Electropark 2024: taiga elettrificata, geografia sonora

Electropark 2024: taiga elettrificata, geografia sonora

“The Museum of Sound” è una reliquia dei suoni (o sogni?) descrittivi di Mika Vainio, mostrata al mondo dagli artisti Tommi Grönlund e Rikke Lundgreen
28 Giugno 2024
1 min
196 views

Le palpebre si toccano appena, con frequenza irregolare. Un poco per il vento, che taglia come luce, in un cielo faticoso e denso; come il lago su cui siede. Un poco per la veglia, indecisa tra la notte e il giorno; se spariscono i profili, o è buio o è sonno.

Dietro a quell’uomo c’è un piccolo bosco. Dietro a quell’uomo c’è una lunga strada. Dietro a quella strada c’è un grande bosco, fatto di lentiggini lacustri e un enorme silenzio. Di tutto questo, quell’uomo sente solo la pausa dell’asfalto, il resto lo sa, per genetica.

Tutto è bosco e silenzio, e laghi, e diradati bagliori.

Qui un rumore è eccezione (case e voci, roccia e soli). Il suono è l’ostacolo di una vibrazione. Intorno alla testa di quell’uomo vibrano gli alberi, trotta a velocità regolare un cavallo pneumatico, si apre e si chiude, come diaframma, un sipario di luce.

Collegamenti.

Poi l’improvviso:

Gli occhi vomitano dal cranio magro. Si illumina il vuoto. Un alce investito. Un urlo dipinto. Una felicità piatta. Come quel bosco, come quei laghi, come SKRIK.

Serve un impatto, serve il rumore, rompere il silenzio per metterlo in cornice. Serve un alert, serve il fastidio di una puntura all’orecchio, è l’ago a 50Hz di una canna che tocca la superficie di un lago.

Serve un impulso elettrico, amplificatonellacassadirisonanzadiunuomochesadiesistereperchéilcuorerimbalzatraorgasmoepaura, ma serve. Una pausa.

È forse il suono di un imaging a risonanza magnetica, forse la proiezione cinematografica di un delirio onirico, forse uno spazio di geologia sentimentale come se Freud avesse studiato i totem e i tabù con un ecografo in mano.

E allora oggi si studierebbe geografia emotiva, i disturbi sarebbero profughi di sé e la terapia un corridoio umanitario.

Quell’uomo ha richiuso gli occhi. Per sempre. Li riapro io.

Quanto è importante il luogo in cui facciamo cadere un’emozione?

La risonanza, in acustica, è il fenomeno per cui una sorgente sonora, inizialmente in silenzio, può entrare in vibrazione se è investita da onde sonore di frequenza uguale o quasi uguale a quella sua propria.

RESONANCES è il titolo della tredicesima edizione di Electropark e “The Museum of Sound è una reliquia di suoni descrittivi che gli artisti Tommi Grönlund e Rikke Lundgreen (che ringrazio per il tempo e per le parole che mi hanno dedicato) consegnano al mondo.

È il mondo di Mika Vainio, colonna sonora delle emozioni e, quindi, musica universale.

Immagine di copertina:
Rielaborazione del disegno del Teatrino di Palazzo Ducale realizzato da Tommi Grönlund


Scrivi all’Autorə

Vuoi contattare l’Autorə per parlare dell’articolo?
Clicca sul pulsante qui a destra.


Mattia Battistelli, nato nel 1989 a Genova, dove vive felicemente, dove scrive appena può e dove lavora dopo una laurea in legge, un master in criminologia e un’abilitazione da avvocato. Ha realizzato insieme a due amici un progetto di ricerca, sotto forma di reportage narrativo, sulle carceri sarde: #SARDEGNA#. Scrive racconti, per unire la passione per le storie alla sua curiosità. Tutto questo lo fa muovere.

ASTRO-ILLOGICA | Resistenza – La stagione del Cancro
Articolo Precedente

ASTRO-ILLOGICA | Resistenza – La stagione del Cancro

“Natura di notte” degli artisti AIPAN, Museo di Storia Naturale di Genova
Prossimo Articolo

“Natura di notte” degli artisti AIPAN

Ultimi Articoli in Small

Festival Sulla Luna a Pratorotondo

Sulla Luna a Pratorotondo

Torna l’evento open air immerso nella natura che vi farà viaggiare tra osservazioni astronomiche, musica in vinile, arte e racconti, video proiezioni e birrette.
TornaSu

Don't Miss