Sanremo

Metti un po’ di musica leggera e trash genovese

Il flash mob al supermercato in via Trebisonda.
22 Marzo 2021
1 min
1.8K views

All’alba di ogni primavera, come ogni anno, il popolo italiano arriva bello carico. Il primo sole ci stordisce un po’ e arrivati al primo livello di indigestione dei tormentoni di Sanremo iniziamo giustamente a perdere il senno. L’anno scorso, decisamente in circostanze straordinarie, iniziavamo a cantare sui balconi. Quest’anno già si intravedono le avvisaglie di un divertente-divertissement collettivo, coadiuvato dalle risonanze social di quello che è stato definito “il Festival di Sanremo più social di tutti i tempi” (ma pensa!).

Al centro della scena abbiamo il successo di Colapesce e Dimartino, già hit in testa alle classifiche, Musica leggerissima, che con la sua felice combo di testo e musica divertenti, ma anche curati, acuti, allegri ma non troppo, ha conquistato un vastissimo pubblico.

E che succede?

Che su Instagram e TikTok sempre più gente sta postando cover, scenette e balletti, al punto che lo stesso Colapesce ha caricato sul suo profilo un video in tedesco sottotitolato con le indicazioni ufficiali per la musica-leggerissima-dance (da vedere qui sotto!).

E poi ci siamo noi, i magnifici genovesi, che in fatto di social non capiamo un belino e che ogni tentativo di stare al passo è un’estrema manifestazione del nostro essere boomer dentro.

Noi vogliamo farlo strano, sempre, e allora, perché no, lo facciamo nei supermercati. Sarà che abbiamo sviluppato un feticismo particolare per i supermercati (Edoardo M. ce lo spiega in questo articolo), o che ci piace fare le cose assolutamente a caso, ma questo articolo su Genova Today fa un quadro precisissimo della genovesità:

«Anche a Genova sbarca il flash mob della “Musica leggerissima” al supermercato»

Curiosa e entusiasta cerco sul web “musica leggerissima flash mob” o “musica leggerissima supermercati”, ma non trovo nulla di vagamente significativo. Solo titoli che riportano a questo articolo, storia paradossale di un piccolo supermarket in via Trebisonda, che gira un video di 30 secondi per unirsi a qualcosa che ha tutta l’aria di assomigliare a una challenge, magari pure nazionale, ma che con tutta evidenza, in realtà, non esiste affatto.

Un atomo perso nell’universo, eccoci qui.
Nulla da aggiungere, solo guardare e sognare. Qui.

Immagine di copertina:
Foto di Nathália Rosa


Scrivi all’Autorə

Vuoi contattare l’Autorə per parlare dell’articolo?
Clicca sul pulsante qui a destra.


Membro del duo curatoriale Mixta con il quale si occupa di progetti artistici che siano attivatori sociali. Ha curato mostre, rassegne e festival negli spazi pubblici, nelle periferie e nei luoghi istituzionali della città di Genova. È anche fondatrice e CEO di Wanda, associazione per la trasformazione culturale, che accorcia le distanze tra le nuove generazioni e la cultura.

Lascia un commento

Confine comunale
Articolo Precedente

Gita sul confine comunale

Rois_One
Prossimo Articolo

Rois_One, graffiti artist: l’intervista

Ultimi Articoli in Small

Genova: L’Intifada studentesca e la Nakba

L’Intifada studentesca e la Nakba

Intifada (الانتفاضة) è la parola araba che sta per “scuotimento, sussulto o scrollarsi di dosso”. L’Intifada fa riferimento alle rivolte popolari arabe contro l’entità sionista che illegalmente occupa i territori della Palestina.
Nostalgia. Modernità di un sentimento dal Rinascimento al Contemporaneo. Palazzo Ducale, Genova

Forme e colori di Nostalgia

Un percorso nostalgico composto da centoventi opere, dal rinascimento al contemporaneo, che indagano sulla condizione umana che ha ispirato artisti e poeti.
TornaSu

Don't Miss