ContemporArt, LIBERI TUTTI/TUTTI LIBERI Genova

LIBERI TUTTI/TUTTI LIBERI questo weekend a Villa Piaggio

Inaugura domani con irruzioni poetiche e performance e resta visitabile fino a domenica: venite a dare un'occhiata!
29 Settembre 2022
2 min
2K views

Domani alle ore 18.00 apriranno i cancelli della ContemporArt a Villa Piaggio (corso Firenze 24, Genova) per l’inaugurazione della mostra LIBERI TUTTI/TUTTI LIBERI, presentata dal movimento spontaneo Passo Blu.

Dieci artisti nazionali e internazionali esporranno venticinque opere, fra cui fotografie, pitture, video e installazioni per una mostra ricca di visioni.

Durante l’inaugurazione, a entrata gratuita e senza invito, è prevista una serie scoppiettante di sorprese: all’apertura della mostra seguiranno le irruzioni poetiche di Filippo Balestra, scrittore, poeta e performer che ha pubblicato Poesie Normali (Miraggi, 2015), Guida indipendente alla città di Genova (Hoppípolla, 2018) e Diario Involontario (Tic edizioni 2022), fa parte del collettivo Genova Slam ed è coordinatore Liguria per la LIPS – Lega Italiana Poetry Slam; suo recente esperimento linguistico-letterario è la live writing performance Esistere non basta, recentemente realizzata alla GAM di Torino.

Insieme a Balestra performeranno Luciano Neri e Massimo Palazzi, dei quali rispettivamente: Luciano è poeta e direttore della collana Il Laboratorio per edizioni L’Arcolaio; Massimo nel 2018 ha pubblicato il suo primo libro autoprodotto, Herbarium Vietnamensis.

A seguire, alle ore 19.30, ci sarà la performance di Federica Barcellona, fotografa, artista e performer che dal 1990 studia il corpo dell’attore (Grotowski, Brook, Barba) seguendo una ricerca sul sentire femminile. Le scritture del corpo e la video arte sono l’ispirazione di base della sua ricerca creativa, centrata sull’interazione tra corpo fisico e corpo rappresentato. 

Immancabile per ogni festa che si rispetti, a conclusione degli interventi artistici inizierà il DJ set di Debora Monaldi che dalle ore 20:30 accompagnerà chiacchiere e visite della mostra fino alle 23.00.

Gli artisti in mostra: Federica Barcellona, Anja Calas, Lino di Vinci, Fazz, Gian Luca Groppi, Giusi Lorelli, Pier Paolo Koss, Enrico Musenich, Vito Pietroburgo e Isabella Ramondini. Dieci artisti per una mostra molto varia anche nelle tecniche: dalla pittura alla videoarte, passando per la fotografia e il pittage, in una ricerca ondivaga e visionaria che esplora le relazioni tra il sé e l’altro, il corpo e la società.

Sabato 1 ottobre saranno presenti anche Tom Campbell e Giovanni Zuffi, attualmente in residenza a Palazzo Brollo, che presenteranno la loro ricerca.

ContemporArt

ContemporArt è un’Associazione Culturale senza fine di lucro nata a Genova nel 2005, nei bianchi spazi della dimora del compositore Fausto Ferraiuolo e dell’attore Gustavo Giacosa, con l’obiettivo di promuovere eventi culturali nel campo delle arti visive e della musica contemporanea, e favorire gli incontri e gli scambi fra gli artisti.

I suoi componenti, tutti artisti e operatori sociali, puntano sulla qualità e sull’originalità di proposte diverse (reading poetici, mostre d’arte, incontri a tema, presentazioni di libri, ecc.) sia nel dare voce ai bisogni culturali della città sia nel voler valorizzare un’arte marginale e sommersa ma autentica e necessaria, come l’art brut o arte irregolare. 

Dal 2006, ContemporArt ospitaBiblioteca Bandita, una bibliomediateca di libri e video su personaggi e temi banditi dallo stato maiuscolo dell’Arte.

Immagine di copertina:
Gianluca Groppi, denied, courtesy Movimento Spontaneo Passo Blu


Scrivi all’Autorə

Vuoi contattare l’Autorə per parlare dell’articolo?
Clicca sul pulsante qui a destra.


Giornata Europea della Cultura Ebraica
Articolo Precedente

Tra antisemitismo e cittadinanza

20 anni di Arcigay Genova
Prossimo Articolo

I primi 20 anni di Arcigay Genova

Ultimi Articoli in Medium

La guerra uccide due volte

La guerra uccide due volte

C’è un aspetto della guerra di cui l’opinione pubblica non parla mai, un costo nascosto, sottovalutato: l’impatto ambientale dei conflitti.
LABIBA | Gaza e i Partiti UE

LABIBA | Gaza e i Partiti UE

Il conflitto a Gaza evidenzia le divisioni interne dell'UE e le risposte disomogenee della popolazione, come mostrato dalle ultime elezioni europee.
TornaSu

Don't Miss