IMMERSE Atlas of Mediterranean Liquidity, Corpi Idrici e Zones Portuaires.

IMMERSE – Atlas of Mediterranean Liquidity

Una mappa di Genova interattiva e multimediale concepita da Corpi Idrici e Zones Portuaires nell'ambito di Atlas of Mediterranean Liquidity, domani alle 18:30 alla Claque.
4 Dicembre 2022
2 min
496 views

Domani alle ore 18.30 alla Claque verrà presentata la mappa IMMERSE in un evento multimediale che ne illustrerà il processo creativo, in collaborazione con Fondazione Luzzati Teatro della Tosse e nell’ambito delle iniziative del Sestiere del Molo.

IMMERSE Atlas of Mediterranean Liquidity, Corpi Idrici e Zones Portuaires.
Info sull’evento. Fonte Goethe-Institut, Fondazione Luzzati Teatro della Tosse

La mappa multimediale entra ufficialmente in Atlas of Mediterranean Liquidity, che è un grande progetto internazionale di un innovativo atlante digitale ideato dal Goethe-Institut di Tel Aviv in collaborazione con il Centre for Digital Art in Israele.

L’Atlas è un work in progress, una raccolta di mappe prodotte da artisti e scienziati in collaborazione con 13 sedi del Goethe-Institut in Nord Africa, Egitto, Turchia, Croazia, Cipro e Italia, e propone nuove prospettive sul nostro rapporto con l’acqua.

Partendo dalla convinzione che il mondo debba essere raccontato e rappresentato in modi nuovi, questo atlante polifonico offre narrazioni sorprendenti sull’elemento base della vita, invitando a un dialogo creativo.

Anche il Goethe-Institut di Genova, così, entra nell’atlante con IMMERSE, una mappatura interattiva sulla relazione tra gli habitat umani e quelli acquatici, una narrazione inedita del territorio genovese nella sua vulnerabilità, realizzata dai collettivi Zones Portuaires Genova e Corpi Idrici.

I siti mappati sono corsi d’acqua con argini artificiali, moli portuali, infrastrutture industriali marittime e idrauliche, aree dell’entroterra e della costa dove la natura resiste all’intervento antropico. 

La mappatura IMMERSE

Tale mappatura è l’esito del confluire delle pratiche e delle ricerche sul territorio costiero e dell’entroterra genovese portate avanti negli ultimi anni dai collettivi transdisciplinari Zones Portuaires Genova (a cura di U-BOOT Lab) e Corpi Idrici (promosso da Forevergreen), a seguito del workshop The MedLiq Atlas curato dal CDA Holon (Israele) e organizzato a Genova un anno fa dal Goethe-Institut Genua nell’ambito del Festival Zones Portuaires Genova.

Un gruppo di artiste, architetti, musicisti e ricercatrici dei due collettivi ha sviluppato una mappa interattiva, in cui luoghi e paesaggi vengono raccontati attraverso testi, video, immagini e suoni elaborati sulla base delle registrazioni sul campo e subacquee. 

IMMERSE, appunto, perché offre un’affascinante immersione multisensoriale di immagini, video, suoni, interviste e testi, che insieme restituiscono una narrazione inedita del territorio genovese e della sua vulnerabilità, dominato dalle dinamiche dell’acqua tra l’entroterra e il mare aperto.

L’invisibile, l’ignoto e il perduto vengono a galla. Le storie emergono lungo le rotte di acqua dolce e salata, tra terra e mare.

I siti mappati sono corsi d’acqua con argini artificiali, moli portuali, infrastrutture industriali marittime e idrauliche, aree dell’entroterra e della costa dove la natura resiste all’intervento antropico. 

Oltre a Genova, tra i luoghi mappati nell’Atlas of Mediterranean Liquidity è presente anche Napoli con HHydrOtopia, una mappatura multimediale dei paesaggi d’acqua in tre aree esemplari della città: la Conca di Agnano ad occidente, Volla-Ponticelli ad oriente, Santa Lucia e il Chiatamone al centro cittadino. 

Il programma

Dopo il saluto di Roberta Canu, direttrice del Goethe-Institut Genua e Marina Petrillo, Fondazione Luzzati Teatro della Tosse; IMMERSE verrà presentata dai suoi realizzatori:

Inés Richter (coordinamento), Juan Lopez Cano, Maria Pina Usai (concept, curatela e sviluppo), Silvia Badalotti, Gaia Cambiaggi, Anna Positano, Nuvola Ravera (fotografia & video), Stellare, Matteo Manzitti (sound), Maria Elena Buslacchi, Anna Daneri (storie), Matteo Casari (mappa) e Annalisa Gatto (grafica).

I due collettivi accompagneranno il pubblico con immagini suggestive e un racconto attraverso l’universo dei corsi d’acqua e i mondi sommersi del territorio genovese.

Alla presentazione seguirà un DJ set di FiloQ

Per saperne di più visitate:

Goethe-Institut / Corpi Idrici / Zones Portuaires Genova

Immagine di copertina:
Bisagno © Corpi Idrici_Forevergreen


Scrivi all’Autorə

Vuoi contattare l’Autorə per parlare dell’articolo?
Clicca sul pulsante qui a destra.


Giornata internazionale delle persone con disabilità, Lorenzo Pagnoni
Articolo Precedente

Vi piacerebbe se la città fosse stata progettata per farvi arrivare in ritardo agli appuntamenti? C’è a chi succede, parliamone

Associazione Pet Levrieri
Prossimo Articolo

Il sogno di tutti i levrieri: correre liberi come Alia

Ultimi Articoli in Medium

LABIBA: Mandati Fuori. 1948 Mandato Britannico israele e palestina

LABIBA | Mandati Fuori

Gli anni del Mandato hanno generato una duplice narrazione che da allora continua a modellarsi sui calchi di memorie collettive opposte.
TornaSu

Don't Miss