Nostalgia. Modernità di un sentimento dal Rinascimento al Contemporaneo. Palazzo Ducale, Genova

Forme e colori di Nostalgia

Un percorso nostalgico composto da centoventi opere, dal rinascimento al contemporaneo, che indagano sulla condizione umana che ha ispirato artisti e poeti.
17 Maggio 2024
2 min
226 views

Il termine “nostalgia” deriva dalle parole di origine greca nostos (ritorno) e algos (dolore o tristezza), letteralmente “dolore del ritorno” e compare nel vocabolario verso la fine del 1700, quando uno studente di medicina dell’Università di Basilea, Johannes Hofer, parlò di tale condizione nella sua tesi di laurea.

La mostra Nostalgia. Modernità di un sentimento dal Rinascimento al Contemporaneo che si tiene dal 25 aprile a Palazzo Ducale di Genova non è solo un’esposizione sulle nostalgie, ma un percorso che scava dentro l’animo umano, un viaggio emozionante disposto in undici sezioni nella storia dell’arte, con centoventi opere che spaziano dal Rinascimento ai giorni nostri.

Nostalgie

Il percorso “nostalgico” dell’esposizione parte con la sala intitolata “Nostalgie” in cui ci mostra il sentimento inteso come impossibilità del ritorno, uno dei concetti cardine della mitologia greca.

Uno dei dipinti più conosciuti è senz’altro il ritratto di Ugo Foscolo fatto da François-Xavier Fabre, che è presente in questa sala, ricordandoci il componimento A Zacinto scritto dal poeta in cui paragona la sua condizione, ovvero l’impossibilità di far ritorno in patria, a quella di Ulisse lontano da Itaca.

Nelle sale successive vi sono anche opere moderne, come quella di Adrian Paci del 2007, intitolata “Centro di permanenza temporanea”, in cui sottolinea la condizione e il dolore dei migranti del dover lasciare la propria terra, sempre in bilico fra il ricordo di casa e il trovare una nuova speranza altrove.

Il sentimento di nostalgia collettiva, nato prima in età romantica, è stato sfruttato poi nell’età propagandistica.

L’atteggiamento cambia: nel romanticismo si cerca di evadere dal presente deludente intraprendendo viaggi per visitare le rovine del mondo antico, simulando un ritorno ad un passato magico e poetico; i regimi totalitari invece, sentendosi minacciati dal progresso scientifico, cercano di insinuare nelle menti del popolo il ritorno del passato per poter controllare le masse.

Ciò si evince nell’arte e nei manifesti, le immagini raffigurano scene di lavoro dei campi, famiglie numerose e la figura della donna sempre accompagnata da un bambino che tiene in braccio.

L’ultima sala è l’espressione della nostalgia moderna, quella logorante e lucida perché quello che è passato è perduto, la consapevolezza amara che siamo piccoli nell’infinità dell’universo, quell’emozione che non riusciamo ad esprimere ma che tutti sentiamo.

Info

Palazzo Ducale
Piazza Matteotti 9, 16123

Orari
martedì- venerdì 11:00- 19:00
sabato e domenica 10:00- 19:00

Biglietti
intero 14€
ridotto 12€
ridotto speciale per i possessori della Membership Card Ducale+ 10€
ridotto giovani, dai 6 ai 18 anni 8€
ridotto under 27, il martedì (escluso i festivi) 8€

Immagine di copertina:
Nostalgia
, Cristoforo Marzaroli. Foto di Erika F.


Scrivi all’Autorə

Vuoi contattare l’Autorə per parlare dell’articolo?
Clicca sul pulsante qui a destra.


Grande sognatrice, vive la sua vita fra la lettura di un romanzo e l’altro. La colonna sonora della sua vita sarebbe sicuramente una melodia suonata da Čajkovskij. Nel tempo libero le piace immergersi nella natura, perdersi fra vecchi palazzi e musei d’arte. Le piace tanto scrivere, ma questo lo avrete intuito, altrimenti non la trovereste qui.

L’intramontabile lobbismo in Liguria: il sistema di Toti e di chi l’ha preceduto
Articolo Precedente

L’intramontabile lobbismo in Liguria: il sistema di Toti e di chi l’ha preceduto

Genova: L’Intifada studentesca e la Nakba
Prossimo Articolo

L’Intifada studentesca e la Nakba

Ultimi Articoli in Small

Genova: L’Intifada studentesca e la Nakba

L’Intifada studentesca e la Nakba

Intifada (الانتفاضة) è la parola araba che sta per “scuotimento, sussulto o scrollarsi di dosso”. L’Intifada fa riferimento alle rivolte popolari arabe contro l’entità sionista che illegalmente occupa i territori della Palestina.
TornaSu

Don't Miss